Rapina in villa,'ero convinto di morire'

"Ero convinto che ci avrebbero ammazzato tutti e due perché ormai, con il sequestro, la violenza...ero certo che sarebbe successo il peggio". Parla al Tg1 Carlo Martelli, il chirurgo di 69 anni aggredito insieme alla moglie, Niva Bazzan, nella sua villa a Lanciano (Chieti). "Sono stato sbattuto a terra e poi legato mani e piedi, tipo incaprettatura. Nel frattempo mia moglie è stata presa e l'hanno legata. Uno solo parlava e diceva: 'O ci dite dov'è la cassaforte o taglio sua moglie a pezzetti'", racconta Martelli. "A ogni domanda mi mollava un pugno. Quando hanno tagliato un pezzo di orecchio a mia moglie non ho capito più niente", dice Martelli.

Altre notizie

Notizie più lette

  1. ZonaLocale
  2. ZonaLocale
  3. ZonaLocale
  4. ZonaLocale
  5. San Salvo

Gli appuntamenti

In città e dintorni

SCOPRI TUTTI GLI EVENTI

Cupello

FARMACIE DI TURNO

    Nel frattempo, in altre città d'Italia...